Il_gatto_di_razza_Persiano
Allevatori Persiano

PERSIANO

ALTRI NOMI

Pelo lungo, Himalaiano (per la varietà di Colore Pointed), Cincillà (per la varietà Silver Tipped).
La varietà a pelo corto è riconosciuta dall’associazione FIFe col nome di Esotico (Exotic o Exotic Shorthair).

TOELETTATURA

STILE DI VITA

TAGLIA

PESO

Maschio: 5 - 7 kg - Femmina: 3 - 5 kg

AFFETTUOSO

INDIPENDENTE

CALMO

ATTIVO

SOCIEVOLE

ESCLUSIVO

SILENZIOSO

LOQUACE

Nutri la sua crescita

Hai un gattino di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

Non è possibile stabilire con esattezza le origini del gatto Persiano. Quasi tutti gli esperti concordano nell'affermare che il gatto a pelo lungo è il risultato di una mutazione genetica e che questa varietà potrebbe derivare dall'accoppiamento fra il gatto selvatico europeo e il gatto di Pallas (il Gatto delle Steppe). Il Pallas selvatico fu scoperto nella regione del Mar Caspio ed è conosciuto anche nelle steppe dell'Asia centrale. La presenza di questi esemplari a pelo lungo provenienti dalla Turchia ma anche dalla Persia fu rilevata già nel XVII secolo. Le loro caratteristiche differiscono lievemente a seconda della provenienza: il gatto originario della Persia è più pesante e robusto di quello originario di Angora (Ankara, Turchia); entrambi avevano lunghi mantelli e probabilmente furono allevati con modalità distinte. Inoltre in Afghanistan per molti anni si è rilevata la presenza di una varietà di gatto addomesticato molto simile al nostro Persiano, con il quale condivide il nome ma le cui origini sono ignote. I Persiani di oggi discendono probabilmente da un mix di tutte queste razze e sono il risultato della dedizione di allevatori esperti in un arco di tempo molto lungo. Nel decennio a partire dal 1880, il gatto Persiano o d'Angora è citato con particolare riferimento alle sue dimensioni importanti e alla lunghezza e delicatezza del suo mantello. Per molti decenni i termini Persiano e Angora furono sinonimi. Un altro antenato potrebbe essere il gatto russo a pelo lungo. Nei primi anni del XIX secolo Harrison Weir lo descrisse evidenziandone la diversa corporatura rispetto ai Persiani e agli Angora allora noti. Si distingueva per la densità della pelliccia ad indicare la provenienza dalle regioni più fredde. E’ quindi nella prima metà del XIX secolo che alcuni “Persiani” allevati in Italia e introdotti in Francia e in Inghilterra, furono incrociati con “Persiani” di origine turca. I primi soggetti furono esposti al Crystal Palace di Londra nel 1871. In quest'epoca, fu organizzato un programma di allevamento e di selezione da alcuni allevatori britannici. Furono praticati incroci con gatti Angora per migliorare la pelliccia. Del resto, fu intrapreso un lavoro sistematico per estendere la gamma di colori e di motivi che attualmente annoverano più di 200 varietà. E’ per questo motivo che la Gran Bretagna può essere considerata il paese d’origine del gatto Persiano attuale.

Il Persiano ha un carattere dolce e gentile e si integra facilmente in quasi tutte le famiglie, non appena prende confidenza con la sua nuova casa. È un animale abitudinario che predilige vivere in ambienti tranquilli ed essere trattato con delicatezza. Apprezza il pettine e le coccole dei bambini ma raramente li seguirà nei giochi chiassosi e turbolenti. Ha una voce calma e musicale ma comunica soprattutto attraverso i suoi grandi occhi espressivi. Ama la stabilità del terreno sotto i piedi e difficilmente lo si vedrà saltare sugli scaffali per esplorare punti elevati. Si dedica con entusiasmo ai giochi, anche interattivi ma è altrettanto felice di rilassarsi nel suo angolino preferito. Il gatto Persiano non pretende di essere al centro dell'attenzione ma apprezza quando il proprietario è disposto a dedicargli un po' di tempo. È un gatto mite che ama il comfort della casa anche se lasciato solo ma è felice di accogliere gli amici umani al loro rientro.

Siate preparati a dedicare del tempo alla toelettatura. Oltre che antiestetici, nodi e matasse creano disagio nel gatto e possono tirare la pelle. La loro eliminazione può essere dolorosa, è quindi bene effettuare l'operazione con cautela. Una pettinatura giornaliera rende tutto più semplice perché il gatto si abitua e apprezza le attenzioni ricevute, riducendo al tempo stesso il rischio che si formino grovigli difficili da districare.

Il Persiano è un gatto medio-grande dal corpo robusto e compatto e con zampe corte e solide. Ha una testa arrotondata e massiccia con piccole orecchie e occhi tondi molto grandi che gli conferiscono un'espressione dolce e amichevole. A pelliccia piena il pelo è folto, più lungo intorno al collo e anche la piccola coda è ricoperta di lungo pelo.

Le tinte unite riconosciute sono Black, White (con occhi blu, arancio e bicolore), Blue, Chocolate, Lilac, Red e Cream. Sono ammesse tutte le varianti cromatiche del disegno a squama di tartaruga e le varianti bicolore del Tabby, come anche tutte le sfumature del disegno Van, tartaruga e Tabby compresi. La variante Pointed è riconosciuta in tutti i colori e disegni, anche nel gruppo Silver. Gruppo Silver Fumé in tutte le tonalità cromatiche riconosciute incluso il disegno a tartaruga, Tipped in tutte le tonalità di colore riconosciute più il Golden e il disegno a tartaruga in tutti i colori. Shaded che include tutti i colori riconosciuti più il disegno Golden e tartaruga.

ROYAL CANIN
ROYAL CANIN

SCOPRI GLI
ALIMENTI SPECIFICI
PER IL