Segugio Spagnolo

SEGUGIO SPAGNOLO

Calmo e affettuoso, è un bel animale che, nella caccia alla grossa selvaggina, dà prova di bravura e coraggio poco comuni. Il Segugio spagnolo è il grande specialista della caccia alla lepre con i suoi latrati, ed è molto efficace come cane per pista di sangue (ricerca della selvaggina ferita)  


Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Un corpo longilineo - È un cane di taglia media, di formato medio e longilineo, con una testa ben disegnata e lunghe orecchie. Sono notevoli lo sviluppo del suo perimetro toracico e la lunghezza del corpo che supera ampiamente l’altezza al garrese. Presenta un’ossatura compatta e arti solidi. Il pelo è fine, liscio e coricato. Il suo sguardo è dolce, triste e nobile allo stesso tempo. 

LO SAPEVI CHE

Già conosciuto nel Medioevo, è descritto magistralmente nel libro della veneria dal re Alfonso XI (XVI secolo) così come da Argote de Molina (1582) e da numerosi altri autori classici. 

MORFOLOGIA

BRACCOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

48 – 53 cm

PESO DELLA FEMMINA

-

TAGLIA DEL MASCHIO

52 – 57 cm

PESO DEL MASCHIO

-

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Sabueso Español

DIMENSIONI

Medium (11-25 kg)

FCI

Segugi e cani per pista di sangue

ORECCHIE

grandi, lunghe e cascanti, sono di tessitura morbida, di forma rettangolare, con l’estremità arrotondata. 

TESTA

armoniosa, proporzionata al resto del corpo e lunga. Linee superiori del cranio e della canna nasale divergenti. 

PELO

fitto, corto, fine e coricato, copre tutto il corpo, fino agli spazi interdigitali. 

CORPO

nettamente rettangolare, molto forte e robusto, con un importante perimetro toracico che deve superare di un terzo l’altezza al garrese. 

CODA

forte e coperta da un pelo molto corto che forma un piccolo pennello all’estremità. A riposo, è portata leggermente incurvata, supera il garretto verso il basso, mentre in azione, si alza a sciabola. 

MANTELLO

bianco e arancio, con predominanza dell’uno o dell’altro colore distribuito in macchie irregolari ben definite e senza moschettature.