Lagotto Romagnolo

LAGOTTO ROMAGNOLO

Il talento naturale per la ricerca ed il fiuto molto fine fanno di lui un efficiente cane da tartufi. Poiché l’istinto venatorio è scomparso, quando lavora non è distratto dall’odore della selvaggina. Il Lagotto è docile, poco esigente, sveglio ed affettuoso. Molto attaccato al suo padrone, è facile da educare. Inoltre è un buon cane da compagnia, capace di dare l’allarme.

Allevatori Lagotto Romagnolo

Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Dalle paludi ai tartufi - Si tratta proprio di un’antica razza di cani da riporto della selvaggina d’acqua nelle basse terre del Comacchio – nel delta del Po – e nelle paludi di Ravenna. Nel corso dei secoli, le grandi paludi vennero bonificate, per farne delle terre arabili. Di conseguenza, il Lagotto è diventato un eccellente cane da tartufi utilizzato nelle pianure e nelle colline della Romagna.    Ricciuto e possente – Cane di taglia da media a piccola, è molto proporzionato, possente nella sua struttura, di aspetto rustico, con un pelo fitto, riccio e di tessitura lanosa.

LO SAPEVI CHE

Il pelo necessita di cure particolari: va ricordato che il pelo di copertura, ed in particolare il sottopelo, sono impermeabili. Se il pelo non è tosato, ha la tendenza ad infeltrirsi. È per questo motivo che bisogna effettuare una tosatura completa almeno una volta all’anno. Il pelo ed il sottopelo infeltriti devono essere rimossi periodicamente.

MORFOLOGIA

BRACCOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

da 41 a 46 cm

PESO DELLA FEMMINA

da 11 a 14 kg

TAGLIA DEL MASCHIO

da 43 a 48 cm

PESO DEL MASCHIO

da 13 a 16 kg

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Lagotto Romagnolo

DIMENSIONI

Medium (11-25 kg)

FCI

Cani da riporto - Cani da cerca - Cani da acqua

ORECCHIE

Di grandezza media in rapporto alla testa, sono triangolari, con estremità arrotondate. Il loro attacco è abbastanza ampio e posto appena sopra l’arcata zigomatica.

TESTA

Vista da sopra, è moderatamente forte e di forma trapezoidale. Gli assi superiori del cranio e della canna nasale sono leggermente divergenti.

PELO

Di tessitura lanosa, un po’ ruvido sulla superficie, formando dei riccioli ad anello molto fitti che lasciano intravedere il sottopelo.

CORPO

Compatto, forte, di una lunghezza che corrisponde all’altezza al garrese.

CODA

Attaccata ad altezza media, si assottiglia verso l’estremità e deve raggiungere appena il garretto. A riposo è portata a forma di sciabola, mentre in stato di attenzione viene tenuta nettamente più alta.

MANTELLO

Bianco ondulato monocolore, bianco macchiato di marrone o di arancio, roano-marrone, marrone monocolore (nelle sue differenti sfumature), arancio monocolore.