Dogo Argentino

DOGO ARGENTINO

Gioioso, franco, affabile, non difficile, abbaia poco ben consapevole della sua forza. Non deve mai essere aggressivo, tratto del carattere che va severamente sorvegliato. La sua naturale disposizione dominatrice, marcata soprattutto nei maschi, lo coinvolge tuttavia regolarmente nelle lotte territoriali con i cani dello stesso sesso. Nella caccia è astuto e silenzioso, coraggioso e molto agguerrito. 

Allevatori Dogo Argentino

Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

PHOTOGALLERY

DESCRIZIONE

Gioioso e vigile - Molossoide di tipo normale, mesomorfo, con arti lunghi; senza essere un gigante, la taglia giusta resta nella media delle proporzioni cercate. Il suo aspetto è armonioso; è robusto grazie alla sua muscolatura possente, che traspare attraverso la pelle solida ed elastica, saldamente adesa al corpo. La sua andatura è calma, ma decisa; è intelligente e le sue reazioni rapide ed ardite sottolineano la base del suo carattere gioioso. È fedele ed affettuoso; il suo colore bianco è notevole e le sue attitudini fisiche ne fanno un vero atleta.
Modellato da un medico - Questa razza è originaria della provincia di Cordoba, che è situata al centro nord della Repubblica Argentina. Fu creata dal Dr. Antonio Nores Martinez, un medico appartenente ad un’antica famiglia indigena. Nel 1928, per la passione per i cani, anche forse per tradizione familiare, fissò in uno standard l’aspetto caratteristico di questa nuova razza che chiamò Dogo Argentino. 

MORFOLOGIA

MOLOSSOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

da 60 a 65 cm

PESO DELLA FEMMINA

-

TAGLIA DEL MASCHIO

da 62 a 68 cm

PESO DEL MASCHIO

-

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Dogo Argentino

DIMENSIONI

Maxi (26-44 kg)

FCI

Cani di tipo Pinscher e Schnauzer, Molossoidi e cani Bovari Svizzeri

ORECCHIE

Attaccate alte sulla testa, sono ben separate l’una dall’altra per la lunghezza del cranio. L’orecchio naturale è portato pendente e ben adeso contro la parte posteriore delle guance. Quando è in stato di all’erta, possono essere portate semidiritte. 

TESTA

Di proporzioni medie, la testa dà un’impressione di forza e potenza, senza angoli bruschi né cesellature fini. Di colore variabile da bruno scuro a nocciola, gli occhi sono protetti da palpebre con i bordi preferibilmente pigmentati di nero, senza che una depigmentazione parziale sia considerata come un difetto da penalizzare.

PELO

Uniformemente corto, liscio e morbido al tatto, di una lunghezza approssimativa variabile da 1,5 a 2 cm. Fittezza e spessore variano secondo il clima. 

CORPO

La lunghezza del corpo, misurata dalla punta della spalla alla punta della natica, supera circa del 10% l’altezza al garrese. 

CODA

Attaccata ad altezza media, forma un angolo di 45° con la linea superiore. A forma di sciabola, spessa e lunga, raggiunge il garretto senza superarlo. 

MANTELLO

Completamente bianco. Attorno agli occhi si accetta una macchia nera o di colore scuro; questa macchia non deve superare il 10% della superficie della testa.

LO SAPEVI CHE

In un clima tropicale il pelo, più sottile e rarefatto, lascia trasparire le regioni pigmentate e questo non è motivo di penalizzazione. In un clima freddo, il pelo è più spesso e fitto; è quindi possibile la presenza di sottopelo.