Cirneco dell’Etna

CIRNECO DELL’ETNA

Cane da caccia adatto ai terreni difficili, è particolarmente indicato per la caccia al coniglio selvatico. È dotato di molto temperamento, restando allo stesso tempo dolce ed affettuoso.


Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Originario della valle del Nilo o della Sicilia? - Il Cirneco dell’Etna discenderebbe da antichi cani da caccia allevati nella valle del Nilo all’epoca dei Faraoni e sarebbero arrivati in Sicilia con i Fenici. Ricerche molto recenti però depongono a favore di una nuova teoria, secondo la quale si tratterebbe di una razza autoctona di origine siciliana, che proverrebbe precisamente dai dintorni dell’Etna.  Robusto e resistente – Si tratta di un cane di tipo primitivo, dalle forme eleganti e slanciate, di taglia media, poco ingombrante, robusto e resistente. Di conformazione morfologica un po’ longilinea e costruito in leggerezza, ha il corpo inscrivibile in un quadrato e ricoperto di un pelo fine.

LO SAPEVI CHE

Si tratta di una razza rara, il cui ceppo primitivo è concentrato essenzialmente nella regione d’origine ed il cui standard definitivo è stato modificato e registrato dalla FCI nel 1989.

MORFOLOGIA

GRAIOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

da 42 a 46 cm

PESO DELLA FEMMINA

da 8 a 10 kg

TAGLIA DEL MASCHIO

da 46 a 50 cm

PESO DEL MASCHIO

da 10 a 12 kg

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Cirneco dell’Etna

DIMENSIONI

Medium (11-25 kg)

FCI

Cani di tipo Spitz e di tipo primitivo

ORECCHIE

Attaccate molto alte e ravvicinate, erette e molto rigide, si aprono verso l’avanti.

TESTA

Il cranio è di forma ovalare in direzione longitudinale

PELO

Raso sulla testa, le orecchie e gli arti, è semilungo (circa 3 cm) ma molto liscio e aderente al tronco ed alla coda.

CORPO

Linea superiore rettilinea, dal garrese discende graziosamente verso la groppa.

CODA

Attaccata bassa, piuttosto grande e di dimensioni uniformi per tutta la sua lunghezza, è abbastanza lunga.

MANTELLO

Fulvo monocolore più o meno intenso o diluito, come Isabella o sabbia, e fulvo e bianco, con zone bianche più o meno estese (lista bianca sulla testa)