Bracco Italiano

BRACCO ITALIANO

Resistente ed adatto ad ogni tipo di caccia, è serio, dotato di un’eccellente facoltà di comprensione, docile e facile da educare. 

Allevatori Bracco Italiano

Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Dalla caccia con la rete al tiro – Questo cane di lontana origine italiana, utilizzato nella caccia agli uccelli, si è modellato e sviluppato nel corso dei tempi. Dalla caccia di una volta con le reti, si è adattato al tiro di oggi. Affreschi del XIV secolo testimoniano la indiscutibile perennità del Bracco Italiano attraverso i secoli, sia per la morfologia che per le attitudini alla caccia, come cane da ferma.
Una testa scolpita – Di costruzione robusta ed armoniosa, di aspetto vigoroso, si preferiscono i soggetti con arti asciutti, muscoli sporgenti e linee molto definite. Inoltre, contribuiscono a conferirgli distinzione la testa nettamente scolpita e la cesellatura sotto-orbitaria molto visibile. 

LO SAPEVI CHE

Con la sua morfologia che evoca i cani di oggi, questo Bracco possente è uno dei decani delle razze canine. Lo confermano alcuni scritti che fanno risalire la sua selezione al XV secolo. 

MORFOLOGIA

BRACCOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

da 55 a 62 cm

PESO DELLA FEMMINA

da 25 a 40 kg, secondo l’altezza

TAGLIA DEL MASCHIO

da 58 a 67 cm

PESO DEL MASCHIO

da 25 a 40 kg, secondo l’altezza

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Bracco Italiano

DIMENSIONI

Maxi (26-44 kg)

FCI

Cani da ferma

ORECCHIE

Correttamente sviluppate, hanno una lunghezza che consente loro di raggiungere, senza essere distese, la punta del tartufo. La larghezza è almeno uguale alla metà della lunghezza. 

TESTA

Angolosa e stretta a livello delle arcate zigomatiche, ha una lunghezza che corrisponde ai 4/10 dell’altezza al garrese. 

PELO

Corto, fitto e lucente, più fine e raso su testa, orecchie, la parte anteriore degli arti e sui piedi. 

CORPO

Il profilo superiore del tronco è diviso in due segmenti: il primo, obliquo, quasi rettilineo, va dal garrese all’undicesima vertebra dorsale e l’altro, leggermente convesso, si unisce alla groppa. 

CODA

Forte alla radice, è diritta, con una leggera tendenza ad assottigliarsi ed è ricoperta da un pelo corto. 

MANTELLO

Bianco, bianco con macchie di grandezza diversa, di colore arancio o ambra più o meno scuro, bianco con macchie più o meno grandi di colore marrone, bianco macchiato di arancio pallido, bianco chiazzato di marrone.