Azawakh

AZAWAKH

Vivace, attento e distante, questo superbo levriero è riservato con gli estranei e, talvolta, può anche diventare timido. Tuttavia, sa essere dolce ed affettuoso con colui che è disposto ad accettare, caratteristica di questa grande famiglia di cacciatori e corsieri. Soprattutto, per questo cane, uno degli elementi determinanti perché la relazione resti intensa è il rispetto della sua indipendenza e della sua tranquillità.


Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Quando eleganza fa rima con finezza – Proviene dal bacino nigeriano medio, in particolare dalla valle dell’Azawakh, da cui trae il suo nome ufficiale. Particolarmente slanciato ed elegante, l’Azawakh trasmette un’impressione generale di grande finezza. La sua ossatura e la sua muscolatura si rendono evidenti sotto tessuti sottili ed asciutti. Questo levriero si presenta come un cane longilineo, dal corpo inscrivibile in un rettangolo con il lato maggiore verticale. Tutto in scioltezza – Il suo incedere, molto sciolto e particolarmente solenne al trotto e al passo, presenta anche un galoppo saltellante: ogni movimento in lui denota leggerezza e persino elasticità.

LO SAPEVI CHE

Sponsorizzato e sostenuto fino in fondo dai cinofili francesi per essere riconosciuto dalle istanze cinofile internazionali, l’Azawakh è un levriero africano di modello afro-asiatico, comparso in Europa solo verso il 1970. È tuttora allevato dai Tuareg e dai Dahoussahaq della sua regione d’origine, che si estende a cavallo di tre Paesi.

MORFOLOGIA

GRAIOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

da 60 a 70 cm

PESO DELLA FEMMINA

da 15 a 20 kg

TAGLIA DEL MASCHIO

da 60 a 74 cm

PESO DEL MASCHIO

da 20 a 25 kg

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Azawakh

DIMENSIONI

Medium (11-25 kg)

FCI

Levrieri

ORECCHIE

Sono fini, sempre pendenti e piatte, dalla base abbastanza larga e vicine al cranio. Non devono mai essere “a rosa”, e devono avere la forma di un triangolo dalla punta leggermente arrotondata

TESTA

È lunga, fine, asciutta e cesellata, abbastanza stretta, ma senza eccedere

PELO

Raso e fine, ma ridotto fino a risultare assente sul ventre

CORPO

Il garrese è ben definito, le reni corte, asciutte, e spesso leggermente arcuate, le anche nettamente rientranti e sempre poste ad un’altezza uguale o superiore a quella del garrese

CODA

Attaccata bassa, lunga, sottile, asciutta ed affilata, con un piccolo pennacchio bianco all’estremità

MANTELLO

Fulvo con macchiettature limitate alle estremità. Sono ammesse tutte le sfumature dal sabbia chiaro fino al fulvo scuro. La testa può portare o meno una maschera nera e la presenza di una lista è molto incostante. Il mantello prevede un piastrone bianco e un piccolo pennacchio bianco all'estremità della coda.