Anglo Francese Tricolore

ANGLO FRANCESE TRICOLORE

Cane equilibrato e di solida costruzione, ma senza pesantezze. Visto di profilo, la sua sagoma si avvicina a quella di un cane tipicamente francese, ben costruito.


Nutri la sua crescita

Hai un cucciolo di questa razza?

SCOPRI COME SEGUIRLO AL MEGLIO IN TUTTE LE FASI DEL SUO SVILUPPO.
Clicca qui

DESCRIZIONE

Utilizzato per la caccia alla lepre o al cinghiale. Storicamente la Gran Bretagna e la Francia sono due culle riconosciute per i cani da caccia in muta. La nascita dell’Anglo-Français de petite vénerie è la logica conseguenza degli scambi intercorsi da secoli fra i cacciatori dei due paesi. Sfortunatamente l’Anglo-francese è stato per molto tempo considerato un “paria” da numerosi cinofili ed ha conquistato infine la sua legittimità grazie all’intervento di alcune personalità del mondo cinofilo. Oggi sono molti i cacciatori di lepri, di lupi e di piccola selvaggina che utilizzano regolarmente questa razza. È un cane da caccia da seguita di grandissimo aiuto sia sulla pista della lepre che su quella del cinghiale.

LO SAPEVI CHE

Per decenni, la razza è stata oggetto di conflitti fra i cinofili, senza che venisse presa nessuna decisione chiara in suo favore. Occorrerà aspettare il 1978 affinché il suo standard venga infine riconosciuto dalla Société Centrale Canine dietro l'impulso del Dr Emile Guillet sostenuto dagli appassionati.

MORFOLOGIA

BRACCOIDE

TAGLIA DELLA FEMMINA

48 – 56 cm

PESO DELLA FEMMINA

-

TAGLIA DEL MASCHIO

48 – 56 cm

PESO DEL MASCHIO

-

TOELETTATURA

NOME ORIGINALE

Anglo-Français de petite vénerie

DIMENSIONI

Medium (11-25 kg)

FCI

Segugi e cani per pista di sangue

ORECCHIE

attaccate leggermente al di sotto della linea dell’occhio, morbide, leggermente girate e di larghezza media.

TESTA

allungata, non troppo larga, bozza occipitale poco accentuata.

PELO

corto, fitto e liscio.

CORPO

dorso diritto e sostenuto, reni abbastanza corti e muscolosi, groppa leggermente inclinata e abbastanza lunga.

CODA

di lunghezza media, abbastanza sottile, ben attaccata nel prolungamento della linea dei reni.

MANTELLO

tricolore bianco e nero con focature vive e tartufo nero oppure bianco e nero con focature pallide e tartufo nero, bicolore bianco e arancio con tartufo tabacco.