Le differenze tra la carne fresca e la carne disidratata

La carne disidratata è carne fresca, macinata e privata dell'acqua.

L'unica differenza fra la carne disidratata e la carne fresca è, quindi, la percentuale di acqua.

Il processo di disidratazione della carne permette di eliminare circa il 75% dell'acqua presente in essa, oltre a contrastare la presenza di eventuali batteri, virus o parassiti rendendola più sicura! La farina di carne è un ingrediente semplice da conservare e da utilizzare, è molto stabile e ha validità di sei mesi, mentre la carne fresca può più facilmente deteriorarsi prima di essere utilizzata per la produzione del mangime.

E' ovvio che non tutte le carni disidratate abbiano la stessa qualità: essa dipenderà dalla qualità della carne fresca da cui derivano, ma è anche ovvio che essendo la percentuale di umidità l'unica differenza fra le due carni, non esista una carne fresca migliore della stessa disidratata.

Da sottolineare, inoltre, che la legge impone ai produttori di riportare gli ingredienti in ordine decrescente di peso prima della cottura. Attenzione: quando nell'alimento la carne è incorporata fresca e non disidratata, perché in quel caso l'acqua presente nella carne, viene considerata come carne!

Questo permette a chi utilizza carni fresche di indicare la carne come primo ingrediente utilizzato a dispetto della carne disidratata, pensando chiaramente di più.

Non tutti sanno però che l'apporto proteico della carne disidratata è oltre 4 volte quello della carne fresca, nonostante non compaia come primo ingrediente!

Differenza tra carne fresca e carne disidratata

- un kg di carne fresca di pollo* contiene circa 750 gr di acqua e 233 gr di proteine
- un kg di carne disidratata contiene 0 gr di acqua e 989 gr di proteine

ROYAL CANIN